la vecchiaia al cinema

Molti soggetti e rappresentazioni sociali, sono tabù nella società contemporanea dell’immagine. Il cinema, sfolgorante medium speculare, non fa eccezione nell’approccio di determinate tematiche che ancora “disturberebbero”, lo spettatore medio. Alla deriva del fallimentare neoliberalismo, dedicare un film alla vecchiaia, può essere una scelta coraggiosa. Invece di occultare la naturale maturità esistenziale, alcuni registi ne mettono in luce le forti implicazioni sociologiche e filosofiche.

f2065d99ba07f24975f24c05a0198bdd

Aquarius – Kleber Mendoça Filho

Aquarius di  Kleber Mendoça Filho (2015), mostra un’anziana Sonia Braga; fortissima, sfrontata, intraprendente, coraggiosa. L’indiscussa protagonista femminile è questa  pensionata, ultima condomina superstite di un palazzo storico a Recife (Brasile), che lotta senza paura contro l’impresa di costruzioni che intende demolirle la casa, per costruire un edificio nuovo al suo posto. Una splendida interpretazione, che le è valsa la Palma D’Oro al festival di Cannes 2016. Questo ritratto profondo, simile alle donne di Almodovar, rende finalmente giustizia alla bellezza della vecchiaia e al grande potenziale femminile.

86bb7a19fea0df0409b62be604e436f3

Grandma’s Day – Milosz Sakowski

Grandma’s Day di Milosz Sakowski (2015), è un gioiello di cortometraggio. 30 min di synopsis completa e avvincente; a che serve un film intero se si raggiunge la perfezione in mezz’ora ?
Prodotto dalla polacca Gdynia Film School, la storia implica due personaggi principali, in un quadro crudelmente neorealista. Le fasce più deboli della società, giovani e anziani, vengono così unite nella battaglia per la sopravvivenza. Tomek, un giovane ventenne, deve dei soldi a dei criminali. Spinto alla disperazione, decide di truffare un’anziana signora, Judyta, fingendosi un amico di suo nipote. Ciò che accade è imprevedibile; la donna ribalta il ricatto, proponendogli la somma mancante in cambio di una comparsata come finto nipote, alla visita dei servizi sociali. Senza questo stratagemma, la donna sarebbe sfrattata; ormai la sorpavvivenza dell’uno dipende dall’altro. Ecco come, dall’incontro di un giovane in difficoltà e di una donna anziana, altrettanto emarginata e povera, scaturisce una grande parabola dei nostri giorni.

99b069e7870a104d2e152dade8a6f909

Grandma’s Day – Milosz Sakowski

Annunci

3 Comments

  1. Andando un po’ fuori tema, a proposito di vecchiaia è cinema c’è da fare un encomio a Netflix che sta producendo molti film con attori di grande talento che, diversamente dalle major hollywoodiane, hanno solo il difetto di non essere millennials e nemmeno i loro fratelli maggiori.

    Liked by 1 persona

    1. Infatti in canali “paralleli” c’è sempre più spazio per scelte sperimentali.
      Il weekend prossimo andrò alla proiezione del documentario “funne”, un film italiano indipendente su un gruppo di “ragazze” 80enni che sognano il mare 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...