Sull’Arte e sulla sofferenza

(…) Non ho mai sopportato quella categoria di scrittori che si proclamano martiri del proprio lavoro. Perchè martiri ? Nel peggiore dei casi, se davvero soffrono quando creano, dovrebbero essere soddisfatti come i santi, poiché il patimento dovrebbe essere la resa dei conti, la corroborazione.
– Quando sento uno scrittore dire che quando scrive soffre tremendamente, sento la tentazione di mandarlo affanculo. – disse Andrés.

~ Julio Cortázar, « L’esame », 1950
pubblicato postumamente, nell’87



b8159d0f687caa23e0d73de55c9f5c8d

Gina Pane, « Azione Sentimentale », 1973

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...